Membri del Congresso degli Stati Uniti criticano l'attacco in Siria

Molti senatori e I rappresentanti, in particolare la senatrice Lindsey Graham, hanno avvertito che l'attacco deve essere supportato con una strategia più ampia..

Membri del Congresso degli Stati Uniti criticano l'attacco in Siria

L’attacco aereo condotto in risposta all'attacco chimico del regime di Assad, degli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia, il 7 aprile nel distretto di Duma, a Ghouta orientale, è stato criticato da molti senatori e rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti.

Molti senatori e I rappresentanti, in particolare la senatrice Lindsey Graham, hanno avvertito che l'attacco deve essere supportato con una strategia più ampia.

Con una dichiarazione scritta, il noto senatore repubblicano Lindsey Graham ha apprezzato l'attacco degli Stati Uniti, tuttavia ha anche espresso la sua preoccupazione sull’attacco.

"Temo che questo attacco assomigli ad una risposta militare debole e Assad pagherà di nuovo un piccolo prezzo per l'uso di armi chimiche. Assad deve aver pensato che il costo sarebbe stato un attacco americano limitato. La Russia e l'Iran devono aver visto questo attacco limitato come soddisfacente per gli Stati Uniti che prima di partire lasciano un paio di bombe” scrive Graham nella sua dichiarazione

Anche il senatore repubblicano dell'Arizona John McCain ha espresso la preoccupazione. McCain ha sostenuto l'attacco, ma ha sottolineato che gli Stati Uniti dovrebbero fare una strategia globale per la Siria e l'intera regione per avere successo a lungo termine.

"Il presidente non dovrebbe preoccuparsi solo di DAESH, ma anche degli effetti negativi della Russia e dell'Iran nella regione, potrebbero essere necessari potenti attacchi aerei indipendenti, ma da soli gli Stati Uniti non possono garantire di realizzare gli obiettivi in ​​Medio Oriente."

Un'altra critica è arrivata dal senatore democratico di Rhode Island, Jack Reed. Nella sua dichiarazione scritta, Reed ha incluso le seguenti dichiarazioni:

"Abbiamo bisogno di maggiori informazioni sulla portata e l'impatto di questo passo. Gli eccitanti tweet del Presidente lo hanno messo alle strette. Una limitata azione punitiva non può sostituire una strategia globale progettata per porre fine alla guerra siriana e rendere i siriani davvero a proprio agio".


etichetta: Lindsey Graham

NOTIZIE CORRELATE