• Video Gallery

Siria: Una vergogna per l'umanità

A volte da un costo molto alto pagato vengono impartite lezioni molto pesanti. Sarebbe molto meglio il contrario...

Siria: Una vergogna per l'umanità

A volte da un costo molto alto pagato vengono impartite lezioni molto pesanti. Sarebbe molto meglio il contrario.

Questa situazione è probabilmente corretta per la crisi siriana che ha lasciato molte dolorose lezioni alle spalle. La primavera araba colpì anche la Siria, come altre società chiuse. Quando il popolo siriano iniziò ad opporsi al regime oppressivo, ciò che incontrò non era un sforzo per capire cosa voleva, ma un movimento schiacciante, che è la principale reazione contro i regimi dittatoriali.

I valori dell’UE al punto zero…

In Siria la guerra civile si è approfondita di più dai motivi come la mancanza di una prospettiva risolutiva dei paesi occidentali, il sostegno della Russia al regime di Assad e la partecipazione alla guerra dell’Iran con i propri soldati. Centinaia di migliaia di persone sono state uccise. Milioni di persone sono state costrette a lasciare la loro patria.

I paesi dell'UE non si sono interessati quasi mai alla crisi siriana, fino a quando i rifugiati hanno raggiunto le loro porte. Dopo che i rifugiati hanno raggiunto le porte di confine, le reazioni mostrate in Occidente erano vergognosi per l’umanità. Molti dei paesi dell'UE, che prima hanno sempre criticato gli altri su molte questioni come il pluralismo, la convivenza, i diritti umani, l'uguaglianza, la libertà, il diritto alla vita, sono falliti al primo esame di questi valori. Per i rifugiati è stato ignorato il fatto che fossero degni di questi valori. L’unico problema per la maggior parte dei paesi dell'UE è stata di impedire ai rifugiati di raggiungere i propri paesi. Dopo quel punto, Aylan, il cui cadavere è stato portato su una spiaggia dalle onde, non era il bambino solo, disperato, povero, ma in realtà i valori dell’UE.

Turchia: Il Paese che contribuisce alle democrazie europee…

Assumiamo per un attimo che la Giordania, il Libano e la Turchia chiudessero le porte all'umanità e agli immigrati come le politiche seguite sui rifugiati dai paesi dell'Unione Europea. In questa situazione milioni di immigrati avrebbero raggiunto le porte dei paesi dell'Unione europea. Se pendiamo in considerazione il poco numero dei rifugiati, che hanno potuto raggiungere l'Unione europea, causasse reazioni subumane e rafforzasse le tendenze fasciste e naziste in aumento in questi paesi, probabilmente la crisi dell'umanità e dei valori in Europa si approfondirebbe ulteriormente.

Anche se la Turchia da sola accoglie 3,5 milioni di siriani nei loro territori e dichiara di seguire una politica della porta aperta sulla Siria, aumentano i voti del partito al potere, che segue queste politiche. Il tasso di immigrati che vivono nella città turca di Kilis, è molto di più da molti paesi europei. Un paese dell'Unione Europea aveva dichiarato che accetterebbe 130 immigrati, e l'ex governatore di Kilis ha risposto storicamente: "Quel paese non si disturba, accoglierò io 130 immigrati nella mia casa".

In Europa, i partiti cercano di aumentare il proprio voto competendo tra loro con politiche anti-immigrazione, xenofobia e islamafobia. Un partito in Austria, che prometteva "zero immigrati", è emerso trionfante dalle elezioni. In molti paesi europei sono in aumento i partiti fascisti e nazisti. In alcuni paesi si formano coalizioni. I partiti di centro-destra e centro-sinistra sono radicalizzati in modo che l'estrema destra non aumenti di più. Questa crisi in Europa, che oscura sempre più il futuro e si deteriora di più, include rischi molto seri per l'umanità. Gli sforzi sovrumani della Turchia e dei paesi regionali sugli immigrati contribuiscono favorevolmente al fatto che i partiti democratici, che non hanno ancora preso di mira l'estremismo, possono detenere il potere in Europa.

Il fatto che nessun immigrato siriano si è recato in Iran e nei paesi del Golfo è un argomento che si deve discutere in dettaglio.

La propaganda nera contro il ramo d’olivo...

Al punto raggiunto, nonostante la sconfitta di DAESH, si nota che le politiche degli attori globali non stanno cercando di risolvere il problema siriano, ma lo stanno approfondendo. Questa situazione, purtroppo, non è valida solo per la Siria. Come in Afghanistan, Iraq, Libia e Siria, la stabilità non è stata garantita da nessuna parte in cui ha intervenuto "la Coalizione internazionale". Al contrario, questi paesi sono diventati luoghi inabitabili coi morti, le lacrime e l’immigrazione. I paesi regionali sono stati costretti a pagare il prezzo per questa situazione. Pertanto, le coalizioni regionali dovrebbero essere ricercate al posto delle coalizioni internazionali che non pagheranno alcun prezzo di fronte a questo tipo di crisi. Sebbene il DAESH sia stato sconfitto e la guerra civile sia entrata in una tendenza di regolarizzazione, il fatto che gli Stati Uniti mandino migliaia di trasportatori pieni di armi al PYD / YPG e fanno dichiarazioni per trasformare lo YPG in una "forza di confine", causa reazioni forti in Turchia e nei paesi regionali. La PKK e la PYD sono organizzazioni terroristiche che hanno massacrato dozzine di persone in Turchia e nei paesi regionali. La Turchia ha giustamente avviato l’Operazione Ramo d’Olivo per la sua sicurezza, garantire la stabilità regionale, salvare le persone dalla prigionia del gruppo terroristico e impedire una nuova ondata di immigrati che potrebbe colpire la Turchia.

Questa legittima operazione della Turchia si devia con insistenza da alcuni ambienti. Uno dei motivi più importanti per l'Operazione Ramo d’Olivo è la protezione dell'integrità territoriale della Siria. Siccome l'organizzazione terroristica PYD / YPD, sostenuta dagli Stati Uniti, si stabilisce passo dopo passo nella regione dall'Iraq al Mediterraneo e divide la Siria.

Si cerca di mostrare l'operazione antiterroristica della Turchia come se sia contro i curdi. L'operazione contro Osama Bin Laden non fu lanciata contro gli arabi, ma contro il terrorismo. Anche l'operazione della Turchia è stato lanciato con lo stesso scopo. L'obiettivo è quello di non consentire a un'organizzazione, che ha causato il terrorismo per decine di anni, di formare una zona terroristica ai suoi confini. Inoltre, coloro che vivono in Turchia e nella regione sanno molto bene che il PYD / YPG, il nome del PKK in Siria, lancia gli attacchi più mortali contro i curdi che non lo sostengono.

Il PYD / YPG effettua una pulizia etnica contro i gruppi curdi, arabi, turcomanni e non musulmani che non lo sostengono nella regione. Milioni di persone, in fuga da esso, si rifugiano in Turchia e nei paesi regionali. La domanda da porre in questa situazione è il motivo perché l’organizzazione terroristica sostenuta dagli Stati Uniti, non consente il ritorno dei popoli originari della regione. L'operazione della Turchia ha lo scopo di ripulire la regione dal terrorismo ed aprire la porta per il ritorno di tutti i gruppi etnici e religiosi nella loro patria.

Come tutte le guerre, ovviamente finirà anche questa guerra. Ciò che è importante è quali valori possiamo proteggere e salvare per le generazioni future in questa e in altre guerre simili, nonostante il fatto che abbiamo perso la maggio parte.

Abbiamo presentato le valutazioni del Prof. Dr. Kudret BÜLBÜL, il decano della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università Yıldırım Beyazıt, ad Ankara



NOTIZIE CORRELATE