NUOVA FASE DELLA LOTTA DELLA TURCHIA CONTRO TERRORISMO

NUOVA FASE DELLA LOTTA DELLA TURCHIA CONTRO TERRORISMO: L’OPERAZIONE DI RAMO D’OLIVO

NUOVA FASE DELLA LOTTA DELLA TURCHIA CONTRO TERRORISMO

 

Turchia da un bel tempo si preparava per un’ operazione militare contro PYD/YPG vedendoli come una minaccia alla sua sicurezza, all’integrità territoriale della Siria.  Parallelamente gli ultimi svolgimenti in Siria, Turchia ha avviato un’operazione a Afrin, diventato un rifugio dei terroristi a ovest della Siria.  Mentre le forze armate turche collocavano le truppe militari nella regione, hanno circondato anche la parte sud di Afrin. Prima dell’annuncio del presidente Erdogan sull’inizio dell’operazione militare a Afrin il 20 gennaio alle 17.00  l’operazione nominata “ Ramo D’olivo”  è iniziata attivamente nelle terre siriane.

 

Afrin per la sua posizione geopolitca ha un’importanza cruciale per la Turchia. Secondo l’ultimo censimento della popolazione a Afrin nel 2004 al centro di Afrin vivevano 64mila 758 persone e  in tutta la parte della provincia  vivevano 172mila 95 persone. Afrin è stata una provincia considerata più sicura da migliaia per non esser colpito dai raid del regime siriano. Oggi si prevede che nella nella regione di Afrin  circa 300 mila persone vivano.

 

 Il 20 gennaio alle 17:00  gli aerei da guerra delle Forze armate turche hanno bombardato i bersagli dei terroristi  a Arfin. 72 aerei hanno distrutto 108 bersagli, munizioni, rifuigi  del PKK/KCK/PYD.

 

L’opposizione siriano  sostenuta dalla Turchia e dalle forze armate turche  sono riusciti a prendere il controllo della maggior parte della regione al secondo giorno dell’operazione.Col passar del tempo  si è visto che l’obiettivo dell’operazione è stato le çölle nelle zone montuose.  Prendendo il cpntrollo di Queste colline le forze armate turche  mira a impedire la fuga dei terroristi dell’YPG. Dopo aver preso il controllo le forze armate turche  iniziaerà la pulizione dei terroristi da queste regioni. Un latro importante punto dell’operazione è che è in corso l’operazione in 8 diversei fronti cosi il YPG  deve lottare nello stesso tempo in molti fronti e sarà cosi disattivao.

Oggi l’Operazione è al suo quinto giorno e continua con successo. PKK/YPG si resisterà con la tattica per la guerra ibrida ritirandosi verso aree residenziali per utilizzare i çivili come scudo. L’organizzazione terroristica cosi sia  diminuisce la perdita dei suoi membri che fa la propoganda dimostrando all’opinione pubblica internazionale che

L’operazione ha anche un’importanza diplomatica. Russia continua a controllare lo spsazio aereo siriano alla base dell’accordo raggiunto con il regime siriano.Russia che controlla la regione cerca di persuadere la Turchia a eseguire un operazione più limitata ma la Turchia è molto determinata a distruggere completamente gli elementi terroristici a Afrin.

Turchia conduce una diplomazia intensa con la Russia, USA, Ue e anzi paesi del Golfo. A seguito dell’inizio dell’ operazione  gli ambasciatori di alcuni paesi a Ankara sono stati informati sull’operazione .

 

Gli USA lanciano diverei dichiarazioni sulll’Operazione Ramo D’Olivo e generelamente non sono contenti dell’operazione mentre Inghilterra, Germania, e NATO  considerano  legale l’operazione.e Russia accusa gli USA per i loro impegni inconcepibili.

 

 

 

 

 

 

                                                                                          


etichetta: Agenda

NOTIZIE CORRELATE